Che cosa è il PageRank e il TrustRank

Che cosa è il PageRank e il TrustRank? A cosa servono e perché sono importanti?

Che cosa è il PageRank e il TrustRank? Proviamo a rispondere a queste domande nel modo più semplice possibile.

Innanzitutto sono due strumenti utilizzati dai motori di ricerca per dare una misura della bontà del sito web; è risaputo che i motori di ricerca si stanno specializzando per restituire dei risultati che siano il più possibile vicini alla ricerca che l’utente fa. Con questi due sistemi il motore di ricerca da un punteggio alle pagine del sito analizzato in base al valore del contenuto.

Il PageRank

Con il PageRank, l’algoritmo creato da google, viene assegnato un punteggio da 1 a 10 in bave al valore del contenuto della pagina: per capirci più è interessante, agli occhi del motore di ricerca, più vale e più si avvicina a 10.

Qualcosa nel tempo è cambiato: inizialmente il PageRank influenzava moltissimo i risultati di ricerca e di conseguenza il posizionamento delle pagine web; attualmente sembra che sia uno dei tanti fattori che vengono presi in considerazione insieme ad altri parametri(qualcuno top secret) che va ad incidere sul posizionamento delle pagine web.

Gli Inbound link

Gli inbound link(o link in entrata) sono uno dei fattori che incidono nell’aumento del PageRank.

Se una pagina web ha molti link in entrata, cioè link da altre pagine che puntano a lei, viene considerata “importante” agli occhi(algoritmo) di Google aumentandone il valore e di conseguenza il PageRank. Ma i link in entrata non sono tutti uguali: ce ne sono di buoni e cattivi; Google premia la naturalità dei link premiando quelli naturali da una pagina ad un altra e penalizzando o bannando quelli creati ad arte per generare traffico “non naturale”. Il risultato potrebbe essere una penalizzazione del sito nei risultati di ricerca.

Guest post

Esistono alcune tecniche come i Guest Post che permettono di avere link in entrata (talvolta
anche a pagamento). Bisogna fare attenzione a queste tecniche: possono essere utili ma non
bisogna essere troppo “evidenti”. Ad esempio, Google ritiene importante un link in entrata se
questo proviene da un sito web con un PageRank alto oppure che tratti degli stessi Argomenti del sito linkato. Quindi è buona norma ottenere link in entrata da siti web “autorevoli”, con alto PageRank e che trattino degli stessi argomenti.

Tuttavia è bene ricordarsi di non considerare il PageRank il fattore assoluto su cui dobbiamo
concentrarci. Rappresenta sempre uno dei tanti fattori dell’algoritmo per la formazione della SERP.
Capita talvolta di trovare in posizioni più alte, pagine web con PageRank più basse rispetto a
pagine che hanno un PageRank più alto.

Come si può vedere il PageRank di una pagina web?

Si può istallare la Google Toolbar che mostra il PageRank di ogni pagina nella SERP, una volta
effettuata la ricerca. Oppure esistono vari plugin per ogni broswer in circolazione (come Google Chrome oppure Mozilla Firefox).

Ecco alcuni link utili per sapere il valore del PageRank

Wikipedia

CHE COSA È IL PAGERANK E IL TRUSTRANK

Nella più popolare enciclopedia on-line viene data una spiegazione teorica dell’algoritmo e viene anche spiegata, oltre agli elementi generali e la popolarità di un sito, anche la formula semplificata.

Seoutility.com

CHE COSA È IL PAGERANK E IL TRUSTRANK

Per ottenere la misura occorre inserire l’indirizzo del sito web e cliccare su verifica posizioni. Alla scrittura di questo articolo il Tool non era ancora funzionante ed il sito indica che sarà presto operativo.

Il TrustRank

Il TrustRank, che dall’inglese significa indice di affidabilità, è un altro algoritmo di Google che ha lo scopo di differenziare i siti web considerati affidabili dai siti spam. L’algoritmo, si occupa di analizzare i link che puntano ai siti web stabilendo quali sono spam e quali sono affidabili.

Ma quali sono i siti che vengono considerati spam? Sono considerati siti Spam, quei siti creati soltanto con lo scopo di linkare altri siti per ottenere un PageRank più alto. Questa è una tecnica scorretta e obsoleta che oggi, viene scovata velocemente da Google. Scovare e bannare siti Spam, è un’attività che Google intensifica sempre di più in quanto, lo scopo finale del motore di ricerca è quello di dare come risultati (SERP) ricerche più pertinenti possibili in base alle richieste degli utenti.

Negli anni passati, lo spam ha avuto un picco altissimo. Erano considerate le prime tecniche
di SEO per posizionare più in alto possibile un sito. In sostanza, il TrustRank assegna un valore di
affidabilità alle pagine. Con lo stesso meccanismo del PageRank, se un sito viene “linkato” da un altro sito con altro Trust Rank, il sito linkato acquisisce “punti” per innalzare il proprio TrustRank. Dagli studi effettuati e gli esperimenti effettuati da chi si occupa di seo(tra cui anche i Seo Specialist), anche il TrustRank rappresenta uno dei fattori principali per il posizionamento di un sito web anche se considerato di meno importanza rispetto al PageRank. L’idea che si cela dietro all’algoritmo è che un sito di buona qualità, difficilmente (se non mai) linka a un sito di bassa qualità. Pertanto, tutto gira attorno all’ottenere link in entrata (da siti autorevoli) in modo naturale.

Differenza tra TrustRank e PageRank

A differenza del PageRank, che è totalmente automatizzato, dietro l’algoritmo del TrustRank c’è anche l’azione umana: è un essere umano che aiuta l’algoritmo a stabilire quali sono i siti affidabili e quali spam. In pratica, l’algoritmo riesce a identificare lo spam grazie a una precedente azione dell’uomo.

Ma quali sono i fattori che influenzano il TrustRank? Alcuni dei fattori che influenzano il TrustRank,
sono:
● Anzianità di un dominio cioè da quanto tempo è attivo;
● Molti link in entrata autorevoli (e non da spam);
● Pochi link in uscita;
● Aggiornamenti frequenti del sito;
● I link in entrata e in uscita siano collegamenti a siti web che trattano gli stessi argomenti.

Conclusione

Come già detto lo scopo finale del motore di ricerca è quello di dare come risultati (SERP) ricerche più pertinenti possibili in base alle richieste degli utenti. Per raggiungere questo fine si adopera sempre più per identificare i siti affidabili e quelli spam.

Leggi anche Cos’è uno spider, crawler o robot?

Potrebbe interessarti Come scegliere un hosting per il proprio sito web.

Precedente Cos’è uno spider, crawler o robot? Successivo Come scegliere un hosting per il proprio sito web.